Se pensavi che fossi solo una voce…

No, non sono solo una voce, ho anche sembianze umane ūüėČ Ma non mi piace mostrarmi, preferisco che siano le carte a metterci la faccia. Sul canale, sono loro le protagoniste. E nella vita? Beh, anche l√¨ hanno un ruolo importante, ma la protagonista sono io. Per adesso, almeno.

Sono nata sotto il segno dell’Ariete – e dopo due minuti lo capisce chiunque!
Sono da sempre alla ricerca del mio ascendente in Vergine per capire dove sia finita la tanto millantata dote dell’ordine, ma ormai mi sono rassegnata al fatto che devo essermela persa nel caos che regna sempre attorno a me.
Mi accontento con l’essere organizzata, cosa che, quando √® riuscita a combinarsi con la tenacia dell’Ariete, ha dato qua e l√† qualche risultato.
Ma penso sempre che potrei fare di meglio, così capita spesso che non concluda niente per giorni.

Nonostante¬† tutto, sono riuscita a crescere due bravi bambini, o due bravi ragazzi, visto che superati i vent’anni insistono nel dire che ormai sono grandi. Glielo lascio credere, tanto io non cambio idea.
Ho anche tre cani che fortunatamente non hanno nessuna voglia di maturare e si prendono tutte le coccole che i due finti adulti schivano.

Grazie alla spinta molto, ma molto energica dei miei figli bipedi, tre anni fa è nato Cartomantique, il canale YouTube dedicato alla mia grande passione: il Petit Lenormand. Ed è proprio vero che se ti metti a fare qualcosa che ti piace, alla fine puoi ottenere dei risultati che mai avresti immaginato.

Conobbi il Petit Lenormand quando avevo diciassette anni, grazie a un’amica di famiglia, che un giorno estrasse questo mazzo dalla borsetta con la promessa di calmare i miei pianti disperati.
L√¨ per l√¨ ci riusc√¨ e mia madre le fu sempre grata, perch√© non ne poteva pi√Ļ.
Ma la cosa importante fu che da allora io e il Petit Lenormand non ci siamo mai lasciati.
Spremetti per mesi la povera signora come un limone di Sorrento, finché non mi spiegò tutto quello che poteva e poi andai avanti a studiarlo, anno dopo anno, fino ad arrivare qui.
Sto ancora studiando e non penso che smetterò.

Amo visceralmente i Tarocchi, con i quali sono nata e cresciuta (io e la mamma ce li leggevamo tutte le sere, di nascosto da papà), ma il Petit Lenormand è un universo differente, nel quale mi ritrovo senza fare sforzi: è svalvolato, leggero e sognatore, ma al tempo stesso razionale, schietto, intransigente e pedante.
Suona un po’ come un autoritratto, ma non vorrei peccare di immodestia.

Forse Cartomantique √® l’evoluzione naturale del percorso di una vita. O forse √® stato uno stratagemma dei miei figli per farmi scongiurare l’analista. Non lo so.

Credo di non volerlo sapere. Mi basta essere qui.
Per sempre riconoscente a chi mi ha fatto piangere quarant’anni fa.

 

error: Questo contenuto è protetto